OPERAZIONE ANTIPROSTITUZIONE

Denunce e richieste d'espulsione per diverse ragazze di origine rumena e nigeriana. Operazione congiunta tra Arma dei carabinieri e polizia di Stato

Nel  pomeriggio di ieri, dalle ore 17.00 alle ore 21.30 in zona Asi dei comuni di Frosinone, Ceccano, Supino, Morolo e Ferentino, nel corso di un servizio straordinario volto a contrastare l’increscioso fenomeno della prostituzione sulla pubblica via, i carabinieri della Compagnie di Frosinone e Anagni, congiuntamente a personale della polizia di Stato della locale Questura e del reparto Anticrimine di Roma, intercettavano e controllavano 19 giovani donne (tra i 19 e i 37 anni con una media di 24 anni), di cui 16 cittadine rumene e 3 nigeriane. Il personale operante intervenuto, circa 20 unità, dopo aver accompagnato le giovani in Questura, svolgevano tutti gli accertamenti del caso, compreso il foto segnalamento per accertarne l’effettiva identità, provvedendo a conclusione degli stessi a deferire in stato di libertà:

    . una cittadina rumena di 25 anni, per inosservanza al decreto di espulsione;

    . una cittadina rumena di 22 anni, per inosservanza al foglio di via obbligatorio;

 e richiedere alla locale Prefettura i decreti di espulsione nei confronti di due cittadine nigeriane di 25 anni, poiché illegalmente presenti nel territorio italiano. Grazie alla stretta sinergia tra le Istituzioni interessate, i due decreti di espulsione venivano immediatamente emessi dalla Prefettura di Frosinone nella serata di ieri e contestualmente notificati alle due nigeriane.