Crioterapia al lago di Posta Fibreno

Da parte dei giocatori dell'Argos Volley Sora

Crioterapia al lago di Posta Fibreno

Metti un lago dalle acque limpide e gelide, metti un nutrito gruppo di ragazzotti immersi fino alle cosce e lo scenario di Posta Fibreno si tinge magicamente di bianconero, tra la curiosità dei passanti. E' quel che succede quando gli atleti della Globo Banca Popolare del Frusinate Sora, dopo l'allenamento, si recano al suddetto lago per svolgere una seduta di crioterapia, una metodologia di recupero post training sempre più diffusa tra gli sportivi di alto livello e che sfrutta le proprietà terapeutiche e antinfiammatorie del freddo. Benché la tecnologia abbia permesso lo sviluppo di tecniche molto avanzate (dalla criocamera alla criosauna fino ai crioultrasuoni) immergersi in una vasca con del ghiaccio rimane infatti il modo più semplice per recuperare dall’affaticamento muscolare, smaltire l’eventuale acido lattico e lenire il dolore muscolare. In uno sport come la pallavolo, ad alto sovraccarico per le articolazioni delle caviglie, ginocchia, zona lombare e spalla, il beneficio è senza dubbio importante. Il numero di impatti sul terreno durante la ricaduta dal salto, sono altamente dannosi per ginocchia e caviglia e grazie all'azione del freddo si recupera più velocemente oltre a prevenire infortuni muscolari e tendinei da stress.

 

E così sotto lo sguardo vigile del preparatore atletico Giacomo Paone e del

massaggiatore Luigi Duro, Caneschi e soci alternano caldo/freddo

immergendosi per circa un minuto per volta intervallato da uno o due minuti

fuori dall'acqua fino a terminare il ciclo.

 

“Lo stato di forma dei ragazzi migliora di settimana in settimana – spiega

Paone. I carichi di lavoro sono pesanti in questo periodo di preparazione e

i giocatori stanno rispondendo bene. Vengono monitorarti continuamente con

test atletici e con la valutazione corporea per esaminare i risultati

ottenuti, in questo primo mesociclo sono molto buoni. Abbiamo concluso

questa settimana con il lavoro sulla sabbia mentre la settimana scorsa con

la piscina. Adesso continueremo a lavorare con carichi importanti in sala

pesi e con la tecnica per incominciare ad affrontare le prime amichevoli

che ci accompagneranno alla prima di campionato, queste saranno utili per

continuare a migliorare sempre più lo stato di forma dei nostri giocatori.

La crioterapia ci sta aiutando in questo senso a recuperare in fretta per

essere subito pronti al lavoro della seduta successiva. Adesso la stiamo

svolgendo al lago di Posta Fibreno ma in inverno continueremo a farla con

l'apposita vasca nella nostra sede di allenamento”.