Psr Lazio, il bando per i progetti di filiera organizzata

A disposizione oltre 1 milione di euro

Psr Lazio, il bando per i progetti di filiera organizzata

he hanno partecipato al bando del 2017, anche se il progetto non è concluso, a patto che riguardi lo stesso settore produttivo e sia coerente con gli obiettivi del progetto precedente.

Il soggetto che intende presentare domanda di sostegno è tenuto a promuovere la costituzione di una 'filiera organizzata' attraverso:

  • la realizzazione di un'adeguata attività di animazione e informazione al fine di garantire la massima diffusione delle opportunità legate alla filiera e tale attività deve essere svolta prima di presentare domanda di sostegno;
  • la sottoscrizione di un accordo di filiera tra i partecipanti, sia diretti che indiretti, che chiarisca scopi e finalità, stabilisca i ruoli, definisca operazioni e progetti attivati a sostegno della filiera e la durata dell'accordo;
  • la presentazione di un progetto di filiera organizzata che indichi gli obiettivi economico-finanziari che si intende raggiungere, definisca l'elenco dei partecipanti diretti e indiretti e individui gli interventi e gli investimenti che i partecipanti si impegnano a realizzare attraverso le misure del Psr che si vogliono attivare.


Nello specifico, per costituire una filiera organizzata si possono attivare le seguenti misure:

  • misura 4.1.1 - Investimenti nelle singole aziende agricole finalizzati al miglioramento delle prestazioni
  • misura 4.2.1 - Investimenti nelle imprese agroalimentari
  • misura 3.2 - Regimi di qualità dei prodotti agricoli e alimentari


Il progetto dovrà prevedere l'adesione come partecipanti diretti di soggetti che lungo la filiera agroalimentare operano nel settore della produzione primaria e nella trasformazione e/o commercializzazione dei prodotti, i quali dovranno attivare almeno due operazioni a valere sulla sottomisura 4.1.1 e una sulla sottomisura 4.2.1, che sono obbligatorie nella 'filiera organizzata'.

Il sostegno concesso è pari al 100% delle spese sostenute e il costo massimo ammissibile è di 100mila euro a progetto e comunque non superiore a 3mila euro per soggetto cooperante, sia esso partecipante diretto o indiretto, incluso il soggetto capofila.

Il finanziamento copre i costi di costituzione ed esercizio della cooperazione, animazione, promozione, studi e pianificazione funzionali alla redazione del progetto di filiera.

Le domande devono essere inviate ad Agea per via telematica tramite il portale Sian entro le ore 24:00 entro il quindicesimo giorno dopo il termine fissato per i bandi relativi alle misure 4.1.1, 4.2.1 e 3.2.

orologi replica rolex replica replica rolex