Terreni gratis al terzo figlio: perplessa la Copagri

Per il presidente Verrascina potrebbe creare discriminazione

Terreni gratis al terzo figlio: perplessa la Copagri

“Esprimiamo forti perplessità per i contenuti dell’ultima bozza della manovra, che prevede fra l’altro l’affidamento in concessione gratuita per vent’anni ai nuclei familiari con terzo figlio in arrivo nel triennio 2019-21 del 50% dei terreni a vocazione agricola dismessi dallo Stato e del 50% dei terreni abbandonati o incolti e situati nelle regioni di Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia”. Questo il commento del presidente della Copagri Franco Verrascina.

“A nostro avviso - ha specificato - si tratta di una misura a dir poco discutibile, che rischia di creare discrimini in quanto avvantaggia chi ha più figli; inoltre, dubitiamo fortemente che un intervento di questo tipo possa contribuire allo sviluppo socioeconomico e demografico delle aree rurali e favorire la ripresa dell’agricoltura. Incentivi di questo tipo, seppur positivi nei loro intenti, non devono essere legati solo alla prole, ma devono, al contrario, puntare a favorire indiscriminatamente l’insediamento di tutti gli imprenditori agricoli interessati. Per questo motivo, attendiamo di conoscere i criteri e le modalità di attuazione di tale misura, riservandoci di fare una valutazione più approfondita nelle prossime settimane, a fronte di ulteriori dettagli”.