AGRINSIEME: " siccita' , incendi e gelati primaverili hanno creato 280 milioni di danni all'agricoltura del Lazio"

AGRINSIEME:

280 milioni i danni reali all’agricoltura nel Lazio causati da siccità, incendi e gelate primaverili, e a subirne le conseguenze molto presto saranno anche i consumatori con un aumento dei prezzi. Questi i dati stimati da  Agrinsieme Lazio, che lancia l'allarme in seguito a quanto riportato dall’Assessore all’Agricoltura della Regione Lazio, Carlo Hausmann, al tavolo con le associazioni agricole. Le conseguenze sono raccolti ridotti o azzerati per ortaggi, cereali, frutta, e seri rischi per le produzioni di vigneti e uliveti, oltre ad una vera a grave emergenza per gli allevamenti senza acqua e foraggio.

“Il meteo sta devastando le aziende agricole del Lazio, e con la scarsita’ di prodotti locali, c’e’ il rischio di un aumento dei prezzi per i consumatori“, dichiarano le organizzazioni del Lazio Copagri, Cia e Confagricoltura, sottolineando come con la Regione sia stata concordata la necessità di interventi urgenti su piu’ fronti, come l’attivazione immediata del Fondo nazionale di solidarieta’, o ancora misure specifiche del Piano di sviluppo rurale (Psr) per realizzare piccoli invasi per recuperare le acque contro gli incendi e per l’irrigazione e contrastare le gelate.

Ovviamente sono necessari anche fondi liquidi per le aziende agricole, e il blocco di mutui e oneri previdenziali. Le associazioni hanno anche chiesto alla Regione di concordare la priorità degli interventi per affrontare la crisi idrica nei prossimi anni. “Lavoreremo per un focus specifico del Psr con la Regione Lazio – conclude Agrinsieme Lazio – la quale deve, invece, verificare attentamente i progetti che i consorzi di bonifica stanno elaborando nell’ambito del bando aperto dal Ministero delle Politiche Agricole per il piano nazionale irriguo”.