Frutta nelle scuole: valorizziamo il prodotto italiano

Image and video hosting by TinyPic

Partendo dal presupposto che non consideriamo che il km 0  sia l'unica soluzione ai problemi dell'agricoltura, ne tantomeno pensare che la magica formula " made in Italy" ripetuta come slogan in termini quasi inflazionati possano rappresentare magiche soluzioni per i problemi strutturali dell'agricoltura italiana come:

  • Rafforzamento OP
  • Strutturazione filiere
  • Competitività logistica

Detto ciò, resta incontrovertibile che l'Italia ha il maggior patrimonio in termini di qualità e biodiversità all’interno dell’ UE ( basti pensare agli oltre 290 prodotti DOP-IGP ) e risulta necessario che i bambini conoscano il nostro prodotto e diventino amanti di questa ricchezza.

E’ quantomeno sorprendente trovare lotti provenienti da altri paesi comunitari.

Vincoli burocratici e amministrativi rendono molto più facile per le grandi realtà rispondere a bandi e  rispettare i requisiti ( spesso comprando il prodotto sul mercato comunitario ), ma in questo modo non si valorizza il tessuto produttivo locale che è il vero portatore di qualità e cultura enogastronomica, conoscere il prodotto vuol dire conoscere il territorio e la sua storia.

E’ evidente che questo tipo di costruzione richieda una maggiore progettualità e opera di coordinamento, ma resta altrettanto evidente l’importanza di costruire questo “ sistema” capace di porre in relazione distribuzione con tipicità locali,