ELOGIO AD ATTILIO LULLO PER IL PREMIO BONIFACIO VIII

ELOGIO AD ATTILIO LULLO PER IL PREMIO BONIFACIO VIII

https://www.reeftiger.it

A seguito del conferimento del Premio Nazionale Bonifacio VIII, lo scorso dicembre ad Anagni, per la sua proficua attività di volontariato, il giovane Caporal Maggiore Vfp4 Attilio Lullo, originario della provincia di Caserta, ha ricevuto nei giorni scorsi dal Comandante del Reparto Comando e Supporti Tattici “Acqui”, Tenente Colonnello Hubert Annicchiarico, con sede in San Giorgio a Cremano (Napoli) un elogio con la seguente motivazione: “Volontario in ferma prefissata quadriennale effettivo presso il Reparto Comando e Supporti Tattici “Acqui”, con l’incarico di conduttore ed impiegato presso il Plotone Vigilanza. Oltre a svolgere il proprio incarico con spirito di sacrificio, fornendo la propria sollecita cooperazione in ogni condizione senza badare a pause e festività, si dedica con passione anche ad attività esterne alla vita militare offrendo il suo contributo adoperandosi in opere di Volontariato verso il prossimo sia in territorio nazionale che estero, per il suo impegno gli è stato conferito dall’Accademia Bonifaciana, il Premio Nazionale Bonifacio VIII una pregevole opera scultorea unica nel suo genere ideata per ricordare il nostro papa Bonifacio VIII simbolo di perdono e di pace. Il volontario Lullo Attilio è un chiaro esempio di dedizione al dovere, con il suo spirito di abnegazione e di incondizionato altruismo, si rivela un esempio da seguire per i colleghi ed un sicuro riferimento per i superiori. Con il suo operato contribuisce a dare lustro alla categoria e al Reparto Comando e Supporti Tattici”. Grande soddisfazione ovviamente anche per il Presidente della Bonifaciana Cav. Sante De Angelis, che, venuto a conoscenza del fatto, cosi commenta: “L’attribuzione dell’elogio da parte del suo Comandante, al giovane Attilio Lullo, tra l’altro delegato giovanile per l’Accademia della Regione Campania, è per me e per il Comitato Scientifico, motivo di orgoglio, perché dimostra che il lavoro e la ricerca dei membri che ne fanno parte è davvero meticoloso e sceglie sempre le persone giuste da gratificare con il nostro riconoscimento, che di anno in anno diventa sempre più ambito per tutte quelle categorie che si adoperano per il bene comune, la promozione e la difesa della dignità della persona umana. Faccio, quindi, il mio augurio al volontario del nostro Esercito, per l’elogio ricevuto con la speranza che queste soddisfazioni siano uno sprono ad andare avanti sempre e meglio!”